Quando si avvicina l’estate, quindi periodo di caldo, il lavoro dei parrucchieri canini aumenta in maniera esponenziale. Tuttavia, gli esperti avvertono che ci sono razze di cani che non bisogna tosare. Addirittura, tagliargli il pelo provocherebbe una serie di conseguenze negative per la loro salute.
Tipi di pellicce nei cani
Prima di tutto, occorre tener presente che i cani hanno un sistema naturale che gli permette di sopportare il calore. Infatti, questi animali sudano attraverso le loro lingue e cuscinetti, ma non attraverso la pelle come noi umani. Poi, per poter raffreddare o regolare la temperatura corporea, ansimano in modo molto vistoso. Se sono a pelo lungo o corto, poco importa. Inoltre, non tutti i cani hanno lo stesso tipo di pelliccia. Il mantello può essere lungo o corto, riccio o liscio, ma, soprattutto, la differenza principale risiede nel numero di strati del pelo. Alcune razze hanno un mantello costituito da due strati: uno esterno (più duro e spesso, che determina il colore esterno del cane) e un altro interno (più lanoso, morbido al tatto e fino). Questo strato rimane nascosto sotto quello superiore e consente di creare uno spazio d’aria fondamentale per mitigare la temperatura dell’animale. Lo protegge dal freddo, ma anche dal caldo. Dopo questa breve premessa, passiamo subito a parlarvi dei cani a cui non deve essere assolutamente tosata la pelliccia.
Tipi di cani che non bisogna tosare
Se un cane possiede questo sottostrato, anche se può sembrare che soffrirà molto caldo, al contrario non dovrete mai tosarlo. Starete distruggendo la sua arma naturale per la regolazione della temperatura, esponendolo al rischio di disequilibrare il calore corporeo. Ci sono molte razze di cani che non devono essere tosate per questo motivo. Alcuni esempi di queste razze sono le razze nordiche (come husky, alaskan malamute), cani pastori (pastore tedesco, svizzero, belga), border collie, mastini e molte razze di cani da caccia e acqua, come Labrador o bassotti. Soltanto per citarvene alcuni. Come regola generale non bisogna tosare quelle razze canine provviste di un doppio strato di peli. Dovrete fare molta attenzione anche ai meticci, dal momento che, nonostante non li somiglino, potrebbero aver ereditato questo doppio strato. Prima di commettere errori, quindi, esaminate con attenzione il vostro amico a quattro zampe o chiedete la conferma al vostro veterinario. Eviterete all’animale un trauma piuttosto grave.

L’articolo prosegue a pagina 46 del numero 66 di Cinghiale&Cani attualmente in edicola.

Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *